HOME PAGE mappa contatti Cerca

Cerca persone, pagine e documenti all'interno del sito.

Conservatorio

Coordinamento regionale degli Enti di ricerca (CER) del Friuli Venezia Giulia

Il CER - istituito nel 2004 e recentemente rafforzato dalla Regione per tradurre il potenziale scientifico regionale in opportunità di sviluppo del territorio - si prefigge il compito di superare il tradizionale modo di intendere le risorse umane e la ricerca come costo, considerandole piuttosto come azioni strategiche per raggiungere la competitività.

Video

La mappatura delle istituzioni scientifiche regionali per indirizzare le future scelte della Regione per quanto riguarda il sostegno all'offerta di ricerca. La valorizzazione, in accordo con i ministeri degli Affari Esteri e dell'Istruzione, Università e Ricerca, del potenziale scientifico, economico e di conoscenza presente nel Friuli Venezia Giulia. La revisione delle attuali politiche della Regione, che vuole passare da mero erogatore di risorse a soggetto che seleziona, con un sempre maggiore coinvolgimento sia degli enti di ricerca che delle imprese, i beneficiari dei finanziamenti per la ricerca. L'individuazione delle priorità territoriali, tematiche e settoriali, nonché la definizione in tale ambito dei parametri che tengano conto delle competenze e delle capacità.

Sono queste le linee strategiche e le prossime azioni del Coordinamento regionale degli Enti di ricerca (CER) del Friuli Venezia Giulia presentate il 12 maggio 2009 dall'assessore regionale all'Università e Ricerca, Alessia Rosolen, in occasione dell'ottava Conferenza annuale del CER "Ricerca, internazionalizzazione e qualificazione del capitale umano: leve strategiche per il rilancio della competitività del territorio", svoltasi all'AREA Science Park di Padriciano (Trieste).

Da parte degli organizzatori è stata sottolineata l'importanza attribuita dalla Regione al CER. "La Giunta Tondo non solo ha confermato l'esistenza di questa rete, ma l'ha anche rafforzata, prevedendo l'inserimento non solo degli istituti scientifici e tecnologici, ma anche di altri enti di ricerca, come ad esempio dei due conservatori regionali, per dar così conto di tutte le sfaccettature culturali e delle istituzioni presenti sul territorio", ha sottolineato il responsabile dell'Ufficio Coordinamento e Internazionalizzazione degli Enti di ricerca regionali, Ciro Franco.

A conclusione dei lavori è stato sottoscritto il nuovo accordo tra la Regione, il CER e i ministeri degli Affari Esteri e dell'Istruzione, Università e Ricerca che, oltre a rafforzare il ruolo della Regione all'interno del Coordinamento, punta ad accrescere le collaborazioni dei ricercatori a livello internazionale ed intersettoriale.

Nel corso della conferenza è stata anche presentata l'iniziativa del Welcome Office Trieste (ufficio e sito internet), finanziata dalla Regione, che si occuperà di offrire assistenza alle istituzioni accademiche e scientifiche nell'attività di accoglienza dei ricercatori.

 

Il Coordinamento degli Enti di ricerca del Friuli Venezia Giulia 

ACCORDO PER IL COORDINAMENTO DEI CENTRI DI RICERCA NAZIONALI E INTERNAZIONALI, DEGLI ATENEI E DEI PARCHI SCIENTIFICI E TECNOLOGICI PRESENTI NEL FRIULI VENEZIA GIULIA